RELATORI: LORENZO DANTE FERRO E “"LA CULTURA È PROFUMO"

UNA IMMERSIONE TRA I FUOCHI D’ARTIFICIO VERBALI DI UN ECLETTICO ARTISTA CHE CI GUIDA CON IL PROFUMO TRA LE UNICITÁ ITALIANE AMATE DAL MONDO

20170919 Ferro 1Un incontro speciale quello con Lorenzo Dante Ferro. Presentato dal Presidente che ha ricordato idee di trent’anni fa provocate dalla consapevolezza delle prospettive che poteva aprire il suo arrivo in Friuli e portato una sua saponetta,

gelosamente conservata.

I rotariani, apparteneva al Rotary Club di Codroipo Villa Manin (ne fu anche Presidente nel 2005), ne conoscono da tempo le eccezionali capacità unite ad un entusiasmo instancabile.

Maestro Profumiere con oltre 45 anni d’esperienza a livello internazionale. I primi 10 anni studi a Zurigo, Grasse, Londra, New York e capo profumiere a Parigi e Brussel. Poi fondazine con il fratello Luciano dell’azienda con studio e produzione di profumi dal 1982 (35 anni) a Camino al Tagliamento. 20170919 Ferro 2Portafoglio importante di clienti nazionali ed internazionali per le creazioni di profumi personalizzati. Relatore e docente in Analisi Sensoriale e Psicologia al Master della Cucina Italiana a Vicenza dal 2012.

Tentare di riassumere il suo intervento è come tentare di descrivere un profumo. È possibile però cercare di riassumere i concetti espressi dal vulcanico relatore.

L’olfatto è uno dei sensi primari che ci accompagnano dalla nascita e che, spesso inconsciamente, guida le nostre emozioni e le nostre scelte. Sono tre i componenti immediati di percezione del neonato che formano l’orientamento della vita: l’odore della mamma (protezione), l’odore del latte (alimentazione) ed il calore del corpo (intimità).20170919 Ferro 3

  • Lo sviluppo del profumo è un’arte che come moltissime arti sono state sviluppate dalla cultura italiana.
  • Siamo una Superpotenza Culturale. Peccato che proprio gli italiani non se ne rendano spesso conto.
  • Cultura che fa dell’Italia un paese unico che l’ha diffusa nel mondo e fa amare l’Italia.
  • Fu proprio in Friuli che nel 1555 Eustachio Celebrino da Udine diede alle stampe il primo trattato sui profumi e sulla cosmesi: “Notandissimi Segreti dell’Arte Profumatoria”.
  • La Cultura italiana ha fatto si che molte scoperte oggi d’uso comune siano nate in Italia o da italiani p.es. Il Senato, l’America, le banche, le cambiali, il microchip, il telefono, la radio ecc.
  • La cucina italiana è profumo (mangiamo con il naso) e gli spaghetti con il sugo al pomodoro sono “coronati” con un profumo distinguibile e unico che li rendono tipicamente italiani cioè il BASILICO…..

E poi, ovviamente ,ha trattato anche di composizioni profumiere per poi rispondere alle numerose domande.