CULTURA: TORNA PUPI&PINI, LA RASSEGNA DI TEATRO DI STRADA E DI FIGURA

IL PROGRAMMA COMPLETO DEGLI SPETTACOLI DEDICATI AI BAMBINI E A CHI È CAPACE DI RITORNARE BAMBINO PER UN MOMENTO

I Pupazzi, un po’ pazzi, un po’ folli, sono i protagonisti della nuova edizione di Pupi & Pini, la rassegna di teatro di strada e figura che da 24 anni accompagna le vacanze di migliaia di turisti che scelgono le sabbie dorate e le pinete di Lignano Sabbiadoro.

È il gioco del Teatro di Figura, il suo essere uno e doppio, la sua forza magica di riuscire a creare con materiali poveri, pochi pezzi di stoffa e di legno, gomma piuma, creta e garza, creature inanimate che in maniera sorprendente prendono la scena e diventano i protagonisti, annullando quasi l’essere umano che dà loro vita.

È il gioco del Teatro che si moltiplica, che guarda se stesso allo specchio, che entra ed esce da una realtà non quotidiana per accedere al mondo dell’Arte nella sua purezza ed essenzialità.

È il gioco fra attore e spettatore, dove chi guarda si nutre della bellezza e della libertà della fantasia; se c’è un pupazzo, il gioco si crea fra l’uomo-spettatore e il pupazzo animato.

Il cartellone 2018, nella sua ricchezza di tematiche, è uno spaccato di quanto potente sia l’arte della Figura, in tutte le sue miriadi di sfaccettature, non solo nella diversità delle tecniche di messa in scena, ma anche e soprattutto nei contenuti che vengono proposti.

Si spazia dalla letteratura classica: Moby Dick (Una tazza di mare in tempesta - Roberto Abbiati, 1 luglio), Il Principe e il povero (Granteatrino/Casa di Pulcinella, 27 agosto); ai personaggi epici di Don Chisciotte (Don Chisciotte e la Luna - Habanera, 22 agosto) e Robin Hood (Abruzzo Tu.Cu.R, 6 agosto); alla letteratura per l’infanzia: Pinocchio (nelle due versioni di teatro di strada Gran Parata del Paese dei Balocchi - Teatro Bertold Brecht, 25 giugno, e teatro da palco Pi...pi...Pinocchio – Tieffeu, 9 luglio), I musicanti di Brema (Carosello - Teatro Due Mondi, 23 luglio), I tre Porcellini (Fondazione Aida, 30 luglio), Il brutto anatroccolo (NATA, 14 agosto); Peter Pan (Teatrino dell’Erba Matta, 20 agosto); al mondo della Commedia dell’arte e della Commedia Popolare con l’eroe della Baracca dell’Emilia Romagna Fagiolino Fanfan (La mirabolante Istoria di Fagiolino - Teatro del Drago, 4 luglio), il furbo Arlecchino (Arlecchino e la strega Rosega Ramarri - Paolo Paparotto, 29 agosto) e il mitico Pulcinella (Tozzabancone&Fittifitti - Compagnia degli Sbuffi, 7 agosto), a nuovi testi per l’infanzia ideati dagli stessi teatranti, come Lino il Topolino coraggioso (Centro Teatrale Corniani, 1 agosto) e Florinda e l’Orco (Teatro PAT, 13 agosto ); e ancora ad omaggi a maestri illustri, come Otello Sarzi (Il manifesto dei burattini - Teatrino dell’Es, 18 luglio) e la pittrice surrealista Remedios Varos (Trucioli - Coppelia Theatre, 8 agosto) o racconti meta-teatrali (Legno, diavoli e vecchiette – Giorgio Gabrielli, 16 luglio). E, dulcis in fundo, due spettacoli che hanno fatto e stanno facendo la storia del Teatro di Figura dagli Anni ’80 ad oggi: Scretch di Claudio Cinelli (2 luglio) e Va’ dove ti porta il piede di Laura Kibel (25 luglio). Cinelli è uno degli artisti più eclettici del panorama artistico teatrale italiano: le sue esperienze spaziano dal teatro all’opera lirica, al teatro di Figura; ha prodotto in 45 anni di attività più di cento spettacoli; dal 1986 al 1990 è stato un protagonista della Televisione Italiana vincendo un’edizione di Fantastico; è creatore di un nuovo modo contemporaneo di usare gli oggetti, in particolare le piccole palline.

Laura Kibel è un’artista dalle mille sperimentazioni: musica, recitazione, grafica, fumetto, teatro di strada, danza del ventre, ma anche con una forte impronta ideologica ed una vocazione al messaggio sociale che l’hanno portata come attrice solista a calcare palcoscenici internazionali e nazionali di grande prestigio.

Per scaricare il programma dettagliato click QUI.